Encheirogastores

Sebbene il titolo lasci intendere un’allusione a mitologici mostruosi e giganteschi esseri «tentacolari», la commedia non doveva essere estranea all’interesse per la vita quotidiana e per le normali occupazioni della gente comune. Connesso alla specificità della vita ateniese è il contenuto del fr. 7, in cui è presente un riferimento alla difrofora, un’umile inserviente, che, munita di uno sgabello, accompagnava la canefora in occasione delle Panatenee. All’esperienza quotidiana è ispirato anche il fr. 8, in cui il nesso προσαυλεῖν πτισμόν si riferisce a un canto tradizionalmente associato a una tipica attività manuale, la mondatura dell’orzo (il canto, che ricorre anche nelle Tesmoforiazuse seconde di Aristofane, fr. 352, si inserisce nel novero di quelle canzoni popolari che, prive di valore artistico, erano finalizzate a lenire la quotidiana fatica della gente comune). Nel fr. 6 il personaggio parlante elenca diversi alimenti, in cui sarebbe riconoscibile una rispondenza con una scena degli Acarnesi (cf. in particolare i vv. 874–876 e 878–880), contenente, in un’analoga sequenza verbale, la lista dei beni posti in vendita dal Mercante tebano: al pari del commerciante aristofaneo, il personaggio parlante del fr. 6 sarebbe potuto appartenere a quella categoria di lavoratori che vivevano della loro quotidiana attività mercantile. In tal senso anche gli alimenti menzionati nel fr. 9 (τοὺς ἑψητοὺς καὶ τοὺς πέρδικας ἐκείνους) e nel fr. 12 (ὀσταφίδα) non solo garantirebbero il bisogno nutrizionale della gente comune, ma potrebbero ben figurare tra la merce esibita da qualche personaggio dedito al commercio. E, soprattutto, il fr. 10, incentrato su una lista di mestieri (in accumulazione verbale sono menzionati venditori di sardine, di carbone, di fichi secchi, di pelli, di farina, di cucchiaini, di materiale librario, di setacci, di frittelle, di semi), si riferisce, di fatto, a gente comune che viveva dei proventi del proprio lavoro: encheirogastores non del mito, ma della vita quotidiana.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s